8 strategie per leggere di più

Come possiamo trovare il tempo per leggere di più o, se già riusciamo a trovarlo, ad aumentarlo ancora di più. In questo articolo voglio proporre un metodo per leggere di più e senza dimenticarci delle letture fatte.

I libri che non abbiamo ancora letto sono tanti; a volte siamo spaventati dall’idea di iniziare un libro che potrebbe non piacerci e ci sembrerebbe di avere sprecato il nostro tempo solo per avere letto poche pagine. Ci troviamo indecisi sulla scelta. Cerchiamo evasione? Storie avvincenti? Scrittura sublime? Conoscenza?

Questi e altri blocchi possono impedirci di godere appieno della preziosa esperienza della lettura.

In questo articolo elencherò 8 strategie per leggere di più, alcuni consigli pratici per gestire al meglio il tempo da dedicare alla lettura e le nostre scelte in fatto di libri.

Sono suggerimenti e strategie proposte da autori e giornalisti che ho trovato facendo una ricerca online, a cui ho aggiunto anche alcun mie osservazioni.


Come osservò Thoreau, “Leggi prima i migliori libri, o potresti non avere la possibilità di leggerli affatto”.

A questo link trovi questo registro per le letture

1 – Tenere un elenco di libri che si desidera leggere

“Mi piacerebbe leggere quel libro ma prima devo finire quello che sto leggendo” ci diciamo. Ci sono così tanti libri e siamo tentati di leggerne il più possibile. Ne sentiamo parlare da altri e siamo incuriositi. La cosa migliore da fare è tenere una lista dei libri che vogliamo leggere, da consultare quando non riusciamo a scegliere, evitando così di vagare su pagine di siti dove siamo sviati da copertine bellissime e titoli intriganti.

2 – Leggi più libri contemporaneamente

Strano vero? Potrebbe essere solo un consiglio ma perchè non provarci.
C’è chi sostiene che un libro vada iniziato e portato fino in fondo e solo dopo si possa iniziarne uno nuovo. Ma leggere più libri contemporaneamente significa che possiamo alternare i libri quando uno diventa noioso, per poi tornarci quando ci sentiamo alleggeriti.
Affinché questo metodo funzioni, è buona prassi leggere libri di diversi generi o combinare narrativa e saggistica.
I libri di saggistica sono più adatti per la lettura diurna, mentre i libri di narrativa sono l’ideale per la lettura notturna. Se la cosa funziona si può arrivare ad alternarne tre, basta provare se il metodo fa per noi.

3 – Usa gli esempi Kindle da provare prima di acquistare

Utilizza un Registro delle Letture

Personalmente preferisco l’odore di un libro cartaceo o cartonato, ma anche il Kindle è fantastico.
Amazon ti consente di scaricare un capitolo campione di libri da leggere prima dell’acquisto. Ho letto alcuni capitoli di esempio per dozzine di libri che mi sembravano piuttosto interessanti, solo per decidere in seguito che il mio tempo sarebbe stato meglio trascorso a leggere qualcos’altro. E non ho dovuto sentirmi in colpa dopo per un libro non letto che giaceva pigramente sul mio scaffale.

5 – Se non ci piace un libro, smettiamo di leggerlo

Se il libro che stiamo leggendo ci risulta poco piacevole e interessante perchè pieno di frasi fatte e situazioni o personaggi stereotipati, o perchè semplicemente ci annoia, dopo 50 pagine vale la pena metterlo giù e trovare qualcos’altro.

Bisogna permettersi di abbandonare un libro: nulla ci farà deragliare dai nostri obbiettivi più velocemente dei libri che non ci interessano.
Il pensiero dietro questa idea è: ci sono così tanti buoni libri disponibili – e più di quelli che puoi leggere in una vita – il che significa che non ha senso perdere tempo su un libro perché ti senti di doverlo finire.

Journal Reading Log – Il mio diario delle letture in inglese

6 – Prendi appunti

Ti potrà sembrare di rallentare la tua lettura ed è così, ma prendere appunti è un ottimo metodo per ricordare le informazioni che leggi. Ad esempio, in alcuni libri di narrativa si possono trovare tanti personaggi dei quali fatichiamo a ricordare i nomi e chi sono, soprattutto all’inizio, con il risultato di deconcentrarci dallo sviluppo narrativo, nello sforzo di ricordarci i loro ruoli.
Inoltre prendendo appunti possiamo annotare dei passaggi particolarmente ben scritti o addirittura una frase che sembra scritta apposta per noi. Sarà come fare una fotografia al contenuto del libro e custodirlo tra i nostri ricordi, farlo nostro.

interno di: “Libri che ho letto e libri che voglio leggere”

7 – Considera i tuoi tempi di pausa

Quando leggiamo? Spesso a fine giornata, la sera prima di dormire, ciòe quando siamo stanchi e vogliamo riposare e abbiamo sempre meno tempo o pazienza.
Consideriamo piuttosto di leggere in orari o luoghi alternativi durante il giorno. Se porti con te un libro (digitale o altro), puoi leggere:
• durante la pausa pranzo
• in viaggio
• a colazione o dopo cena
• in attesa di un appuntamento
Allo stesso modo, invece di passare il tempo a consumare passivamente notizie e attualità o a controllare i feed dei social media, considera di dedicare parte di questo tempo alla lettura.

8 – Accettiamolo. Ci saranno momenti in cui non leggeremo

La lettura, come qualsiasi attività, ha alti e bassi. Leggiamo tanti libri senza interruzione e poi improvvisamente ci blocchiamo, non perchè non vogliamo leggere, anzi, ma perchè gli impegni quotidiani ci lasciano sempre meno spazio.

Se queste pause ci infastidiscono e ci fanno lievemente sentire in colpa, accettiamole come fisiologiche. Torneremo presto in libreria con i nostri elenchi e con la convinzione che ritorneremo a leggere, perchè amiamo farlo.

Se ami annotare su carta ogni tuo pensiero, puoi utilizzare un diario delle idee. Leggi in questo articolo perchè tenere un diario delle idee.

Le immagini di quest’articolo sono dei miei diari di letture in vendita su amazon.it


strategie per leggere di èiù

corinna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto